Servizi tecnici per le pratiche di Prevenzione Incendi

consulenza progetti prevenzione incendi CPI MilanoLa prevenzione incendi è un obbligo e una necessità di cui tutte le imprese devono tenere conto, e GMT Consulting può farsi carico di seguirne per voi tutti gli aspetti, individuando le soluzioni migliori alle Vostre esigenze e lasciandovi liberi di concentrarvi sul Vostro business.

Una buona prevenzione incendi non è solamente un obbligo stabilito dalla Legge, ma è anche una vera e propria necessità per la continuità del business. Basta considerare il fatto che la grande maggioranza delle Aziende colpite da un incendio, semplicemente, chiude. L’incendio è un rischio "subdolo", ha una probabilità relativamente bassa di verificarsi rispetto a molti altri incidenti, ma quando colpisce lo fa con una magnitudo potenzialmente devastante, e con danni spesso irreversibili, per le persone innanzitutto, ma anche per le Aziende e i loro Manager, gravati di pesanti responsabilità.

Partire con un buon progetto iniziale per il rilascio del Certificato Prevenzione Incendi (CPI) è certamente la cosa migliore, ma è possibile mettere in sicurezza anche realtà aziendali già esistenti, con ottimi risultati e senza interrompere l’attività. GMT Consulting potrà poi seguirvi anche nel tempo, occupandosi di tutti gli adempimenti obbligatori periodici, organizzando per Voi quanto necessario:Valutazioni rischio incendio, progettazione, pratiche VVFF rinnovo CPI, formazione, piani di business continuity.

La riforma della prevenzione incendi - semplificazione normativa -

Il 22 settembre 2011 è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151, nuovo regolamento che disciplina i procedimenti di prevenzione incendi, riformando la precedente normativa, risalente agli anni '80.
Il nuovo regolamento recepisce i contenuti di cui alla L. 30 luglio 2010 n. 122 sullo snellimento dell'attività amministrativa, ma oltre ad introdurre alcuni elementi di semplificazione degli adempimenti, ricataloga ed aggiorna le attività soggette alla disciplina di prevenzione incendi. La disciplina così revisionata, è in armonia con l'avvento della SCIA - segnalazione certificata di inizio attività – (L. n. 122/2010) nonché con con il regolamento per la semplificazione ed il riordino della disciplina sullo Sportello Unico Attività Produttive – S.U.A.P. - (D.P.R. 7/9/2010, n. 160).
 
La riforma riscrive l'elenco delle attività sottoposte ai controlli di prevenzione incendi con la sostanziale novità di una differenziazione in base al principio di proporzionalità, correlandotre categorie, A, B e C, distinte fra loro in base della gravità del rischio (tenendo conto di affollamento, tipo di lavorazioni, materiali impiegati, carico di incendio, ecc.), anziché la semplice dimensione, e tenendo conto del grado di complessità intrinseco delle diverse attività. I procedimenti sono di conseguenza differenziati per le diverse categorie, alleggerendo - rispetto alla disciplina attuale - i procedimenti amministrativi riguardanti le attività più semplici, classificate cioè “A” e “B”, per i quali assume maggiore importanza il ruolo del titolare dell'attività, e quello del professionista di prevenzione incendi, con relative responsabilità.
 
A completamento delle riforma, il 7 agosto 2012 il Ministero dell'Interno ha emanato il decreto attuativo previsto ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del DPR 1° agosto 2011, n. 151, e lo stesso è stato pubblicato il 29/08/2011 in Gazzetta Ufficiale, con entrata in vigore prevista il novantesimo giorno dalla data di pubblicazione. Quest'ultimo provvedimento ha sostituito il D.M. 4 maggio 1998, attuativo della precedente normativa.
 
Più recentemente la riforma è stata ampliata con il nuovo Codice di Prevenzione Incendi D.M. 3/8/15, con l'intento di razionalizzare e semplificare il corposo sistema di norme in materia prevenzione degli incendi, con un unico testo sistematico e organico, le cui disposizioni sono applicabili a numerose attività di cui all' All. I del DPR 151/11, e quindi soggette ai controlli di prevenzione incendi.
Il nuovo Testo Unico Prevenzione Incendi adotta un approccio metodologico moderno, allineandosi agli sviluppi del progresso tecnologico, oltreché ai numerosi standard internazionali esistenti.
 
Scarica il nuovo Codice di Prevenzione Incendi in formato PDF Visitate la nostra pagina specifica sui Corsi Addetti Antincendio con date, informazioni e prezzi. Risorse esterne utili: VVFF Vigili del FuocoMinistero del Lavoro Per il Vostro preventivo personalizzato senza impegno, contattateci:  e-mail