News GMT Consulting

13/03/2018: REACH pubblicata Relazione Generale aggiornamento 5 marzo 2018

Rischio chimico: Commissione europea apporta migliorie normative e revisioni elementi


 In base al Regolamento REACH le imprese che producono, importano o immettono sul mercato dell'Unione Europea sostanze chimiche devono individuare e gestire i rischi legati a tali sostanze e sono tenute a dimostrare in che modo sia possibile utilizzarle in sicurezza.

Per la tutela dei consumatori e dell’ambiente la Commissione europea ha pubblicato, in data 5 marzo 2018, migliorie alle attuazioni normative del Regolamento di Registrazione, Valutazione, Autorizzazione e Restrizione delle sostanze Chimiche comunicandole nella Relazione generale sul funzionamento del regolamento REACH e revisionando alcuni elementi

Ciò richiede nuove forme di cooperazione tra le imprese, un miglioramento della comunicazione lungo la catena di approvvigionamento e lo sviluppo di strumenti per guidare e assistere le imprese e le autorità pubbliche nell'attuazione del regolamento.
La Commissione specifica il pieno supporto alle PMI, come già negli anni passati, con un aumento di coerenza del regolamento per le normative sulla salute dei lavoratori e dei rifiuti.

Le misure della seconda revisione del REACH sono volte a migliorare la qualità dei fascicoli di registrazione indicati dalle aziende, semplificare il processo di autorizzazione e garantire parità tra imprese dell'Unione Europea e non UE nel momento in cui producono prodotti contenenti sostanze di grande preoccupazione soggette ad autorizzazioni.

Le metodologie per diminuire questo svantaggio sono state valutate dalla Commissione su più fronti, vi sono infatti indicate azioni di:

  • Rafforzo dell'applicazione da parte delle autorità nazionali, controlli import delle autorità doganali inclusi;
  • Garanzia di coerenza, con focus su chiarimenti interfaccia REACH e legislazione sulla protezione dei lavoratori e legislazione sui rifiuti;
  • Sostegno conformità delle PMI, con richiesta all'ECHA e agli Stati membri di processi di intensificazione e sviluppo degli strumenti di orientamento e di sostegno mirati alle piccole medie imprese.

Ricordiamo che la data fissata come termine ultimo entro cui le imprese possono registrare le sostanze chimiche che producono, importano o immettono sul mercato dell'Unione Europea (in quantità superiori a una tonnellata l'anno) è il 31 maggio 2018.


Tutte le news

Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'